Serie D, crescono consapevolezza ed equilibrio

Sabato 24 novembre
Pallacanestro Redentore Este – USMI 55-63

Di Stefano Migotto

Non mi giudicate per i miei successi ma per tutte quelle volte che sono caduto e sono riuscito a
rialzarmi.

N. Mandela

Mi sono perso la prima vittoria fuori casa in serie D dell’USMI; non potrò dire io c’ero… c’erano
però come sempre i Pucciadores e c’era Angelo, il padre nobile della squadra che li sta
accompagnando in questo percorso con soddisfazione ed entusiasmo; lui è il giunto elastico tra
squadra e dirigenza e trasmette ai ragazzi la stima e la forza del direttivo e riporta al direttivo la
situazione della squadra. Nelle difficoltà non ha mai perso la speranza che si trovasse l’equilibrio
all’interno della squadra con il nostro caloroso pubblico e la sua fiducia è stata ripagata.
A volte la gente merita di più. A volte la gente ha bisogno che la propria fiducia venga ricompensata
(Batman, Il cavaliere oscuro.)

Sabato piovoso che invitava a stare a casa; la squadra si è trovata assieme ad Este consapevole che
la vittoria era a portata di mano, consapevole dei suoi limiti, consapevole della sua forza.
Coach Pellecchia in settimana aveva lavorato sulla difesa; 14 tiri da tre subiti nella pur vincente
partita con ATV San Bonifacio avevano lasciato il segno. Il coach aveva individuato la fonte del
gioco di Este in Ianno e Guarini e aveva predisposto le contromosse.
Si trattava di eseguire, di non perdere la calma, di saper gestire l’inatteso e di ripetersi.
Sii sempre come il mare che infrangendosi contro gli scogli, trova sempre la forza per riprovarci.
Jim Morrison

Il primo quarto vede l’USMI partire forte ma non riuscire a prendere il largo, perché il gioco in attacco non gira e veniamo ripresi; ci attacchiamo alle giocate individuali (Andrea ci tiene a galla), c’è poca coralità in attacco, sembriamo dei buoni individui ma fatichiamo ad essere orchestra.
Nel secondo quarto siamo consapevoli del nostro potenziale, maciniamo gioco ma non
concretizziamo tutto ciò che produciamo, non riusciamo a mettere a terra la nostra potenza;
chiudiamo a + 5 dopo aver sbagliato un imbarazzante numero di contropiedi. Potevamo andare al
riposo sul + 15 senza rubare nulla.

I nostri avversari cercano di rimescolare le carte e passano alla zona con forte pressing: i ragazzi
vanno un po’ in confusione ma tengono forte soprattutto in difesa e non cedono ai propri
avversari né punti né gioco, tengono la barra dritta e vanno avanti. Come sempre la forza
dell’USMI è il gruppo; la squadra non gira solo su 5 giocatori ma almeno su 10 garantendo a coach
Pellecchia più soluzioni e soprattutto quell’intensità che mette gli avversari in difficoltà.
Il quarto parziale è un trionfo di concretezza e precisione: 3 bombe di Giovanni e alcune azioni
corali con possesso palla sino al 24’ secondo mettono la partita in discesa e sotto controllo.
Alla fine arriva la meritata vittoria, cresce la consapevolezza dei propri mezzi e il desiderio di
impegnarsi.

 
Il calendario adesso ci propone sfide alla nostra portata che non dobbiamo sbagliare.
Sabato prossimo 1 dicembre alle 19 giochiamo in casa all’USMI Arena: chiediamo alle giovanili di
essere l’onda gialla che sostiene i nostri ragazzi contro il Nuovo L’Argine 2001, un avversario alla
nostra portata.

Il successo non è mai definitivo, il fallimento non è mai fatale; il coraggio di continuare è ciò che conta
W. Churchill

Tabellini
USMI: Bosisio G. 18, Boaretto A. 15, Bruno M. 8, Malagoli G. 7, Malagoli F. 4, Sbrocco E. 4, Turi F. 2, Turi M. 2, Dalla Libera A. 2, Corbetta S. 1, Cisotto P., Forcellini A.
All.re: Pellecchia.

Scrivi il tuo commento



U.S. Madonna Incoronata Basket | via Siracusa 52, 35142 Padova
email: info@usmibasket.it

USMI_Logo 1