Serie D, si chiude un 2018 pieno di soddisfazioni

Sabato 22 dicembre 2018
Palestra I. Alpi
USMI Basket – U.S. Arcella: 66-56

Di Stefano Migotto

Colui che più possiede, è colui che più ha paura di perdere.
Leonardo da Vinci

Sabato al PalaUSMI è andata in scena l’ultima partita dell’anno solare: alle 19 aspettavamo i cugini dell’Arcella, si trattava di un derby cittadino in serie D. A leggere la classifica la partita sembrava segnata, a leggere le prestazioni in casa dei ragazzi di coach Pellecchia sembrava ancora più scontata ma bruciava ancora la vittoria di misura a Vigodarzere, portata a casa con fatica e di esperienza. Ancora una volta consapevolezza e sana paura di sottovalutare l’avversario. Perché chi non ha paura non è coraggioso, è semplicemente incosciente.

Saper ascoltare significa possedere, oltre al proprio, il cervello degli altri.
Leonardo da Vinci

Basta fare un giro su Internet per trovare i quattro cardini del buon allenamento mentale:
1. Dichiarazione di intenti
2. Visualizzazione
3. Responsabilità condivisa
4. Gestione dello stress

E una volta letti sembrano ancor più banali e scontati, come se non servisse ricordarli perché inutili; invece coach Pellecchia in pre-partita ha dedicato ai ragazzi tre minuti per ricordare loro l’obiettivo (vinciamo sopra i 60 punti), per visualizzare le azioni di gioco da svolgere (no tiri da tre), per condividere la responsabilità del gioco da fare e come stare in partita. Parlare, ascoltare, condividere esperienza e sentimenti; il basket è anche questo, è forza mentale, non solo cm o kg in più; certo, la forma fisica aiuta, ma la fame e la voglia di fare sono armi altrettanto forti. La gestione dello stress è stata fatta in campo con i time out, i cambi e il confronto tra i ragazzi più esperti e i più giovani; richiamati ma per amore del risultato, non per umiliare o rendere più insicuri.

I dettagli fanno la perfezione e la perfezione non è un dettaglio.
Leonardo da Vinci

La partita non è stata perfetta ma è sempre stata sotto il controllo di coach Pellecchia e dei suoi ragazzi; una partenza lenta, come sempre (forse è questo un punto su cui lavorare?), un primo quarto finito 15 a 15, un imprevisto equilibrio dato dalla poca precisione dei nostri ragazzi che hanno sparacchiato tiri da tre mentre il coach si sgolava per avere gioco; un’inattesa e improvvida voglia di strafare perché sentivamo la partita nostra, la ricerca di giocate improbabili senza fare le cose semplici ha complicato il primo quarto. Il secondo quarto è stata l’espressione del gioco difensivo che fa la differenza ma che non ha ammazzato la partita; manca ancora l’istinto del caimano ai nostri ragazzi che, come i gatti, giocano con il topo non per finirlo ma per il divertimento del gioco; questo atteggiamento può essere pericoloso con squadre più forti o comunque più allenate a cogliere l’attimo e ad essere spietate. Chiudiamo il primo tempo sul 30 a 21: bene ma non benissimo.

Coach Pellecchia usa gli ultimi due quarti per dare minuti a tutti i ragazzi della panchina che si devono abituare al clima della partita per trovare quell’ordine che fa la differenza tra un gruppo organizzato e un insieme di buoni giocatori. Il coach sta ancora lavorando per trasformare dei buoni solisti in un’orchestra che si possa giocare tutte le partite e suonare il proprio spartito con tutte le squadre.

Alla fine grazie al sostegno tambureggiante dei Pucciadores e del pubblico di casa chiudiamo 66 a 56; da sottolineare il basso numero di falli, segno della scarsa intensità degli avversari. Buona la precisione nei tiri liberi che in questa partita sono risultati utili alla vittoria.

Si chiude un 2018 pieno di soddisfazioni, il girone invece si chiude domenica 13 gennaio a Isola della Scala che pur seconda in graduatoria ha perso in casa del Mestrino; i risultati dagli altri campi di questa giornata ci confortano e ci consentono di scalare un’altra posizione in graduatoria vista la sconfitta a San Bonifacio degli avversari diretti del Kialab Vicenza.

Nella letterina a Babbo Natale per il 2019 chiediamo, oltre alla salute, di vincere anche fuori casa perché questo ci permetterà di fare la differenza in classifica.

Buon Natale, Felice Anno Nuovo e Forza USMI!

Tabellini: Bosisio 15, Sbrocco 14, Bergantin 13, Malagoli F. 4, Corbetta 4, Bassan, Bruno 6, Malagoli G., Turi F. 2, Turi M. 6, Forcellini 2. All. Pellecchia (tl 10/14); tiri da tre 4 (3 Bosisio, 1 Bergantin). Note: tecnico a Sbrocco. Parziali (15-15; 30-21; 52-40).

Scrivi il tuo commento



U.S. Madonna Incoronata Basket | via Siracusa 52, 35142 Padova
email: info@usmibasket.it

USMI_Logo 1