Di Francesco Turi

Pensavate che viste le due sconfitte di fila avessimo perso la voglia di scrivere? Bene, non è così 🙂 era solo la sessione universitaria che occupava il nostro tempo!

Riavvolgiamo il nastro: feste natalizie, la squadra perde Di Fonzo, e diventa l'Usmi progettata dal ds in estate...Per la prima partita dopo le feste ci aspetta il Cus diretta inseguitrice, i nostri ragazzi compiono un'impresa e vincono la partita, ma questa storia ve l’abbiamo già raccontata. 

Il venerdì successivo l'Usmi gioca tra le mura amiche con Noventa, squadra di veterani, sempre ostica da affrontare: i nostri giocano una brutta partita, soprattutto sottotono mentalmente (forse è questa la chiave) e vengono sconfitti di pochi punti. 

Nella terza giornata di ritorno c’è Virtus Cave, squadra che presenta sempre facce nuove. Purtroppo la truppa di coach Faggin arriva all’Einaudi con tre defezioni importanti, infatti il match si gioca punto a punto ma cede nel finale.

Le sconfitte consecutive sono due, prima volta nella stagione; allo Scalcerle arriva il Patavium, squadra di bassa classifica che però attraversava un periodo di grande forma. 

La partita rimane sempre sotto controllo per i “regaz“ dell'Usmi che però, causa le pessime percentuali ai liberi, non riescono mai a prendere un break decisivo; finisce 58-50 per noi. 

Questa vittoria però non rassicura gli animi, dopo 7 giorni ci sarebbe stata Selvazzano, squadra formata da tante facce amiche che aveva vinto 11 delle precedenti 12 partite e che ci seguiva a due punti di distanza, il classico avversario ostico.

I gialloblu arrivano al Ceron di Selvazzano belli carichi; la prima frazione è caratterizzata da belle azioni corali da entrambe le parti e si chiude 18-19.

Nel secondo quarto inizia un’altra partita; una partita più maschia marchiata col timbro delle difese, infatti il punteggio si abbassa e si va al riposo con Selvazzano avanti di due punti.

La ripresa continua sul trend di un punteggio più basso, si sbagliano parecchi tiri e la partita viaggia punto a punto. 

Nell'ultimo quarto la tensione si fa sentire, ogni pallone è quello decisivo, ogni rimbalzo è ossigeno; Selvazzano prende un minibreak che sembra essere quello decisivo (+5 a 1 minuto e 40 dalla fine), ma l'Usmi non ci sta, una bomba di Bosisio e una serie di difese corali allucinanti ricuciono lo strappo e una maggior freddezza ai tiri liberi nel finale regalano la vittoria: 53-56 il punteggio finale.

Che dire, grande vittoria di SQUADRA dove ognuno ha dato il suo contributo sporcandosi le mani per l’obiettivo, vittoria importante perché respinge l'assalto delle inseguitrici e permette di continuare la fuga appollaiati col solito CUS.

Prossimo appuntamento venerdì 16/02 allo Scalcerle contro Rovigo, vi aspettiamo!